Accesso ai servizi

Martedì, 22 Settembre 2020

AVVISO TARI 2020



AVVISO TARI 2020


Dal 1 gennaio 2014 è istituita la Tassa sui Rifiuti - TARI, che sostituisce tributo comunale sui rifiuti e sui servizi TARES in vigore fino a tutto il 31/12/2013. Il Regolamento per la disciplina e l’applicazione dell’Imposta Unica Comunale – IUC è stato approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 20 del 19/07/2014.

Con deliberazione Consiglio Comunale n. 19 del 20/07/2020 questa Amministrazione ha stabilito:

  • di confermare per il 2020 le tariffe approvate per l’anno 2019,
  • di demandare l’approvazione del Piano Finanziario 2020 a successivo provvedimento da adottarsi entro il 31/12/2020,
  • di posticipare il calcolo del conguaglio derivante dall’applicazione del Nuovo Metodo Tariffario di cui alla Delibera ARERA 443/2019/RIF sulle tariffe degli anni 2021, 2022 e 2023
  • di approvare le scadenze TARI per l’anno determinandole in tre rate scadenti rispettivamente il:
    • 16 ottobre 2020
    • 16 novembre 2020
    • 16 dicembre 2020
    • unica soluzione coincidente con la seconda rata

DATO ATTO che l’annualità 2020 è caratterizzata dall’emergenza epidemiologica derivante dalla diffusione del virus Covid-19, che sta comportando conseguenze a livello economico significative, e che numerose utenze di fatto non hanno avuto la possibilità di utilizzare i locali tassati per un periodo di tempo definito dall’emanazione dei provvedimenti l’amministrazione ha ritenuto opportuno riconoscere le seguenti agevolazioni tariffarie

  • alle utenze non domestiche, che hanno dovuto sospendere l’attività a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, come previsto da appositi Decreti P.C.M. e che quindi obbligatoriamente non hanno potuto usufruire del servizio di raccolta porta a porta, una riduzione pari al 25% sia sulla parte variabile che sulla parte fissa del tributo solo per l’anno di imposta TARI 2020, tenuto conto anche della crisi economica in atto;

Sono escluse dall’agevolazione le tipologie di utenze non domestiche non rientranti nelle attività sospese per effetto dei Decreti P.C.M. Tale agevolazione sarà applicata d’ufficio alle attività interessate.

  • alle utenze domestiche che erano in una condizione di inutilizzabilità da parte dei rispettivi proprietari non residenti sul territorio del comune di Verrua Savoia una riduzione pari al 25% sulla parte variabile del tributo solo per l’anno di imposta TARI 2020. Tale agevolazione verrà concessa su istanza di parte con la modulistica predisposta e reperibile all’indirizzo www.comune.verruasavoia.to.it

Si ricorda, inoltre, che il Regolamento, le tariffe e la modulistica sono reperibili nel sito dell’amministrazione comunale all’indirizzo www.comune.verruasavoia.to.it

 

RIDUZIONI  ED AGEVOLAZIONI (art. 49 Regolamento IUC)

Si riportano di seguito le principali agevolazioni e riduzioni previste per le quali è necessario presentare apposita domanda o dichiarazione entro il 30/09/2014:

Riduzioni fino al 50% per le unità abitative di proprietà o possedute a titolo di usufrutto, uso o abitazione già ivi anagraficamente residenti, tenute a disposizione dagli stessi dopo aver trasferito la residenza o il domicilio in Residenze sanitarie assistenziali (R.S.A.) o istituti sanitari e non locate;

Riduzioni fino al 50% per nuclei famigliari residenti con presenza di portatori di handicap il cui reddito complessivo annuo ai fini IRPEF dell’anno precedente non sia superiore ad € 20.000,00

Riduzioni fino al 50% per i nuclei formati da 4 o più componenti e residenti con presenza di minori o figli di età non superiore a 26 anni purchè studenti, il cui reddito complessivo annuo ai fini IRPEF dell’anno precedente non sia superiore a

  • € 20.000,00 per un nucleo familiare da 4 componenti
  • € 25.000 per un nucleo familiare da 5 componenti
  • € 30.000,00 per un nucleo familiare da 6 o più componenti

Riduzioni fino all’80% per i nuclei famigliari residenti seguiti e segnalati dal competente servizio sociale il cui reddito complessivo annuo ai fini IRPEF dell’anno precedente non sia superiore ad € 5.000,00

UTENZE DOMESTICHE CONDOTTE DA SOGGETTI NON RESIDENTI nel Comune, per gli alloggi dei cittadini residenti all’estero (iscritti AIRE), e per gli alloggi a disposizione di enti diversi dalle persone fisiche occupate da soggetti non residenti, si assume come numero degli occupanti quello indicato dall’utente o, in mancanza quello di n. 2 unità. Resta ferma la possibilità per il Comune di applicare, in sede di accertamento, il dato superiore emergente dalle risultanze anagrafiche del comune di residenza.

RIDUZIONI PER LE UTENZE DOMESTICHE (art. 48 Regolamento IUC)

  1. La tariffa è ridotta del 10 %, per le utenze domestiche servite da raccolta domiciliare che procedono direttamente al recupero della frazione organica.
  2. La riduzione della tariffa di cui al precedente comma 1 è applicata su specifica richiesta da parte dei soggetti interessati, da trasmettere al Comune, con effetto dal mese successivo alla richiesta. Tale richiesta prevede l’esplicita rinuncia, da parte dei soggetti interessati, al servizio di raccolta della frazione organica e l’obbligatoria restituzione, al soggetto gestore del servizio, dei contenitori precedentemente utilizzati per il conferimento di tale frazione.
  3. Nelle zone in cui non è effettuata la raccolta, il tributo è dovuto in misura del 40% della tariffa da determinare, anche in maniera graduale, in relazione alla distanza dal più vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o di fatto servita.
  4. Ai sensi del comma 20 dell’art. 14 del D.L. 201/2011, in caso di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti, ovvero di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento, nonché di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall’autorità sanitaria di danno o pericolo alle persone o all’ambiente, alla tariffa è applicata una riduzione dell’80% (ottanta per cento), limitatamente ai giorni completi di disservizio ed unicamente nei casi in cui il disservizio non sia stato recuperato nei giorni successivi.
  5. Le richieste di riduzione di cui al presente articolo, ove non diversamente specificato, devono essere effettuate entro il 31 dicembre dell’anno in cui interviene la variazione e produrranno effetti a decorrere dalla data di inizio dell’evento che dà diritto alla riduzione o, in mancanza, dalla data di presentazione della domanda.

 

I contribuenti che necessiteranno di chiarimenti possono, previo appuntamento telefonico o via mail, recarsi all’Ufficio tributi nel seguente orario di sportello :

Lunedì e martedì: CHIUSO

Mercoledì – Giovedì - Venerdì: dalle 9,00 alle 14,30


Documenti allegati: